Ecco cos'è davvero il DARK WEB - Cybersecurity - Sicurezza Informatica
Via Gatti 3/28 -41043 Formigine (MO)
059 5961136

Ecco cos’è davvero il DARK WEB

DARK WEB, chi lo usa e perchè

Potresti aver sentito il termine “Dark Web”, utilizzato da altri o dai media, ed esserti chiesto “che cos’è il Dark Web?” O “dovrei fare qualcosa al riguardo?”. Oggi spieghiamo cos’è il Dark Web e come può influenzarti direttamente.

Che cos’è il DARK WEB?

Il Dark Web è costituito da sistemi sulla rete internet progettati per comunicare o condividere informazioni in modo sicuro e anonimo. Non esiste un unico “Dark Web”; non è qualcosa come Facebook dove è gestito da una singola organizzazione. Il Dark Web è invece una raccolta di sistemi e reti gestiti da persone diverse, utilizzati per svariati scopi. Questi sistemi sono connessi a Internet e ne fanno parte in tutto e per tutto; nonostante ciò, non riuscirai a trovarli utilizzando i tuoi normali motori di ricerca. Spesso, è necessario un software speciale installato sul computer per trovarli o accedervi. Un esempio è il Tor Project. Per accedere a questo Dark Web, è necessario scaricare e installare Tor Browser. Quando ti connetti a un server Web utilizzando Tor Browser, il tuo traffico crittografato viaggia attraverso altri computer che utilizzano Tor. Mentre passa attraverso questi computer, l’indirizzo IP di origine cambia, il che significa che quando si accede al sito Web, l’attività online viene anonimizzata. Altri esempi di software per navigare nel Dark Web includono Zeronet, Freenet e I2P.

Chi lo usa?

I criminali informatici sono grandi fruitori del Dark Web. Gestiscono siti Web e forum per consentire le loro attività criminali come l’acquisto di droghe o la vendita di gigabyte di dati compromessi, il tutto in modo anonimo e sicuro. Ad esempio, quando un criminale informatico hackera una banca o un negozio online, ruba quante più informazioni possibili, successivamente vende tali informazioni ad altri criminali informatici su siti nel Dark Web.
Ci sono anche usi legittimi della piattaforma “dark”. Ad esempio, le persone nei paesi caratterizzati da censura possono utilizzare queste reti per condividere informazioni e vedere cos’altro sta accadendo nel mondo proteggendo la loro privacy e rimanendo anonimi. Giornalisti, informatori e persone attente alla privacy possono utilizzare il Dark Web per aumentare il loro anonimato e aggirare la censura. Inoltre, persone come queste possono utilizzare tecnologie come Tor Browser non solo per accedere al Dark Web, ma anche per navigare in modo anonimo su Internet normale.

Cosa dovrei fare?

A meno che tu non abbia un motivo specifico per accedere al Dark Web, ti consigliamo di non farlo. Alcuni siti sono utilizzati per scopi illegali; molti siti utilizzeranno il tuo computer come cavallo di Troia per raggiungere i loro obiettivi e in alcuni casi lo stesso computer potrebbe persino essere sondato o attaccato. Alcune aziende offrono servizi di monitoraggio per farti sapere se il tuo nome o altre informazioni sono state rubate dai criminali informatici e trovate sul Dark Web. Il valore reale di questi servizi è discutibile. Il modo migliore per proteggersi è supporre che alcune delle tue informazioni siano già nel Dark Web utilizzate dai cyber criminali. Di conseguenza:
• Diffidare di eventuali telefonate o e-mail che fingono di essere un’organizzazione ufficiale e che spingono a intraprendere un’azione, come pagare una multa. I criminali possono persino usare le informazioni che hanno trovato su di te per creare un attacco personalizzato.
• Monitorare la carta di credito e gli estratti conto bancari; forse anche impostare avvisi giornalieri su tutte le transazioni che si verificano potrebbe essere una soluzione plausibile. In questo modo è possibile rilevare se si verificano frodi finanziarie. Se lo rilevi, segnalalo immediatamente alla società della tua carta di credito o alla tua banca.
• Metti un blocco sul tuo credito. Non influisce sul modo in cui è possibile utilizzare la carta ed è uno dei passaggi più efficaci che è possibile adottare per proteggersi dal furto di identità.